salta la barra Po-Net  Cultura a Prato  Filippino Lippi  Storico della mostra del 2004
 
 indietro

La mostra del 2004: "Filippino Lippi, un bellissimo ingegno"

Credits

Promotori, patrocini, prestatori, allestimento, catalogo, saggi, ringraziamenti...

Prato, città natale di Filippino Lippi (Prato 1457 - Firenze 1504), ha dedicato al pittore una mostra nel quinto centenario della sua morte.

L'esposizione in Firenze a Palazzo Strozzi, che ha visto il confronto fra Botticelli e Filippino, ha aperto queste celebrazioni mostrando al grande pubblico la genialità dei due pittori e soprattutto, come scrive Antonio Paolucci, "...che Filippino è grande come il suo maestro e compagno di strada" oltre all'assoluta eccellenza dell'epoca storica in cui i due artisti hanno vissuto.

La mostra di Prato, promossa dal Comune di Prato e dalla Provincia di Prato, Diocesi di Prato, Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio, per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico di Firenze, Pistoia e Prato, Soprintendenza speciale per il Polo Museale Fiorentino, Opificio delle Pietre Dure di Firenze, con la collaborazione dell'Apt di Prato e il patrocinio della Regione Toscana, ideata e curata da Maria Pia Mannini, con saggi in catalogo di Jonathan Nelson, si è collegata a quella di Palazzo Strozzi, ne ha sviluppato i contenuti, ne ha amplificato il messaggio.

L'esposizione si è svincola dalla ritualità del centenario per proporre una articolata rilettura critica delle opere di Filippino Lippi tuttora a Prato, dagli esordi presso la bottega paterna per giungere a una rivisitazione storico-artistica del suo lascito nel territorio e concludersi con un'antologica rassegna della fortuna critica del pittore nei secoli.
Dunque, non solo la mostra nelle Antiche Stanze di santa Caterina, ma un itinerario che si snoda per tutta la città di Prato: dal Museo di Pittura Murale, dove è stato recentemente rimontato il Tabernacolo di Mercatale, alla cattedrale di Santo Stefano, dove è possibile vedere direttamente dai ponteggi gli affreschi del padre fra' Filippo suo primo maestro al Museo dell'Opera del Duomo e, ancora, alla Chiesa dello Spirito Santo, nonché al Conservatorio di San Niccolò, ove restano le testimonianze ad affresco e su tavola dei seguaci.
Dalla città l'itinerario, documentato nei saggi del catalogo, si estende al territorio, alla villa medicea di Poggio a Caiano, dove Filippino Lippi ha affrescato la Morte di Laocoonte, alle pievi del contado dove si possono cogliere nei pittori locali gli echi del suo linguaggio.
Ci sono state delle fortunate coincidenze nella genesi della mostra di Prato, in primo luogo la scoperta in Palazzo Pretorio di un importante affresco commemorativo eseguito dalla bottega di Filippo Lippi per il podestà Antonio di Lorenzo Spinelli, databile al 1457 (anno della nascita di Filippino Lippi), che viene così è stato recuperato dopo un lungo oblio, documento di un momento artistico irripetibile per la città quando, in poco più di un decennio, si verificò uno straordinario flusso di creatività e di scambi culturali con la vicina Firenze.
La mostra ha permesso di conoscere a fondo la vita e la poetica dell'artista: Filippino è un personaggio complesso, oscillante tra la "maniera" antica e quella moderna, segnato da un'inquieta sensibilità; la sua pittura esprime già le tensioni mistico - religiose dell'ultimo quarto di secolo, dominato dalla figura del Savonarola.
Al contrario di suo padre, che visse di eccessi, la vita di Filippino fu all'insegna del motto, di origine stoica, "substine et abstine" che si trova scritto anche in due sue opere.
La sua arte è carica di risvolti esoterici legati alla cultura archeologica del tempo ed esercita sui contemporanei un'influenza determinante soprattutto nel ricorrente uso delle grottesche.
Accanto alle opere di Filippino Lippi, il Tabernacolo di Mercatale (1498) e la Pala dell'Udienza (1503), sono state esposte in mostra opere, provenienti da collezioni pubbliche e private, dei pittori attivi nella cerchia del Lippi, come il Maestro della Natività Johnson, il Maestro di Serumido, il Maestro di Memphis, insieme ad esponenti della pittura locale quali Tommaso di Piero detto il Trombetto, il Maestro di Canneto, Gerolamo Ristori, Michele Guizzelmi ed altri maestri stilisticamente e cronologicamente affini a Filippino.
E' stata esposta inoltre la predella con le Storie dell'Infanzia di Cristo realizzata dal Lippi insieme a fra' Diamante, durante il suo alunnato a Prato.
E' stata un'occasione unica per conoscere meglio questo grande artista e l'eredità preziosa del suo genio nella città di Prato.


 indietro  inizio pagina
Logo Po-Net